Gli avversari di domenica: Co.Mark Bergamo

image

Dopo tre vittorie consecutive arriva il bello (e il difficile). Domenica, al “Bione” sfideremo la Co.Mark Bergamo, una tra le favorite alla promozione in A2 insieme ad Udine e Orzinuovi. I gialloneri inseguono la capolista Orzinuovi a due lunghezze di distacco, appaiati a Udine e Crema a quota 8 punti in classifica. Dopo l’eliminazione in semifinale playoff contro Bologna (0-3) dell’anno scorso, la società ha affidato la guida della prima squadra a Cesare Ciocca (ex Pordenone), confermando solo 2/10 del roster, ovvero l’ala piccola Jacopo Mercante e l’esperto pivot Paolo Chiarello.

In cabina di regia, dopo la partenza di Marco Bona destinazione Orzinuovi, sono stati presi Alessandro Panni (classe ’91 proveniente proprio da Orzinuovi) e il 25enne Giacomo Bloise (l’anno scorso 8 presenze in serie A alla Pallacanestro Cantù), mentre nel ruolo di guardia sono arrivati Tommaso Milani, reduce da una sfortunata stagione in A2 a Legnano chiusa dopo sole 13 gare per infortunio (8,3 punti, 2,9 rimbalzi e 1,2 assist di media fin lì), e il giovane ’96 Pietro Permon (prodotto del settore giovanile della Blu Orobica e l’anno scorso 2 presenze in A2 con Treviglio). Detto della conferma di Mercante, completa il pacchetto esterni Andrea Scanzi (nostro avversario in semifinale playoff a maggio con Montichiari). Sotto le plance, affianco a Chiarello, ci sono le ali grandi Marco Planezio (classe ’91 l’anno scorso a Costa Volpino con 8,6 punti e 6,1 rimbalzi a partita) e il giovanissimo classe ’97 Stefano Saletti (l’anno scorso a Forlì in A2 fino al fallimento della società romagnola). Infine il colpo grosso Rei Pullazi: la passata stagione, dopo sei mesi alla Virtus Roma in serie A, il pivot di origini albanesi ha prodotto 14,4 punti e 7,6 rimbalzi in regular season (serie B) e 15,8 punti e 8,5 rimbalzi ai playoff (sconfitta in finale con Rieti).

Da segnalare le importanti statistiche del playmaker Panni, fin qui miglior assist-man del girone e miglior giocatore per valutazione media (22,6).

Appuntamento al “Bione” per domenica 1 novembre alle ore 18: GIMAR Basket Lecco-Co.Mark Bergamo.

Annunci

Under 16 – 2^ di andata: Basket Lecco – Robur Varese 59-67

U16_201516

Tarda ad arrivare il primo referto rosa per il gruppo 2000/01 del Basket Lecco. Complice soprattutto un approccio da dimenticare, a differenza peraltro della settimana precedente, la Robur Varese è riuscita più volte a non affondare durante la rimonta dei ragazzi di casa, ripetuta in tre tentativi non andati a buon fine.

Nel primo quarto, la squadra di casa probabilmente è ancora impegnata a spostare le lancette della nuova ora solare e va sotto 0-9, a cui segue il time-out di coach Monti. Troppi i contropiedi subiti, grazie sì alla buona velocità varesina ma anche alla superficialità delle scelte in attacco. Sono le ampie rotazioni a fermare l’emorragia e il gioco in campo aperto ospite, con i secondi 5 minuti che vedono un sostanziale equilibrio (10-23). Nel secondo quarto la gara e per tutta la parte centrale è con grande inerzia bluceleste: Ghirlandi e Lomasto riescono a dare una scossa ai compagni con ottime giocate in entrambe le metà campo, ma Barbiero risponde colpo su colpo per il 26-35 con cui arriva l’intervallo.

Dopo la pausa si parte ancora in equilibrio (30-39), ma sono la difesa e le conclusioni di Cappello (3 triple) a suonare la sveglia ai compagni e far tremare Varese per la prima volta: si arriva al -3 (41-44) e poi al -2 con un libero di Colosimo a fine periodo (42-44). La Robur parte nell’ultimo quarto con un piccolo strappo (parziale di 7-1), ma Ghirlandi e Colosimo firmano nuovamente il singolo possesso di svantaggio (48-51): la risposta ospite non si fa attendere con un altro 4-0. Lecco risponde con il gioco da tre punti di Marchesi, ma è l’ultimo sussulto. Le energie mentali sono esaurite e le troppe sciocchezze difensive garantiscono 5 punti in lunetta con cui la Robur chiude i giochi al minuto 38 (57-65).

Campionato Under 16 Elite – 2^ giornata di andata
Basket Lecco – Robur Varese 59-67 (26-35)

Lecco: Valsecchi, Perillo 3, Monte, Cappello 16, Comi, Ghirlandi (K) 20, Lomasto 6, Molgora, Marchesi 5, Cianci, Colosimo 9, Goretti. All. Monti-Riva
Varese: Carrara ne, Barbiero (K) 18, Lombardini ne, Piatti 6, Magistrali 2, Cortese 5, Bonvini, Giallo 11, Daverio 10, Galluccio, Sassi 13, Musaj 2. All. Santandrea

Parziale dei quarti: 10-23, 19-10; 19-15; 9-10
Note:
TL -> BL: 9/14 – ROBUR: 14/19
T3 -> BL: 4 (3 Cappello e 1 Colosimo) – ROBUR: 5 (2 Giallo, 1 Piatti Cortese e Sasso)
FF -> BL: 25 – ROBUR: 18

Arbitro: Naka

Prossimo turno: domenica 1 novembre alle ore 11:30 presso il Centro Sportivo Bione, si gioca la terza gara di andata contro Junior Basket Curtatone.

EDIMES Basket Pavia-GIMAR Basket Lecco 58-75

image

Terza vittoria consecutiva con vantaggio finale in doppia cifra e avversari sotto quota 60. Numeri importanti per la GIMAR che si conferma squadra vera, prolifica in attacco e attenta in difesa. Domenica per Bergamo, al “Bione”, non sarà certo una passeggiata. Doveva essere la partita di Mascherpa, di ritorno a Pavia, e così è stato: 22 punti e 4 assist col 50% dal campo. Ma nella vittoria di Pavia (58-75) c’è tanto altro: il dominio nel pitturato di Piunti e Balanzoni (20 rimbalzi in due sui 39 totali di squadra), i primi punti in campionato per il giovane Freri, il dinamismo di Brambilla (6 punti e 5 rimbalzi) e purtroppo (ma nulla di grave) la ferita al sopracciglio per Dagnello.

Lecco parte forte e raggiunge subito il “più sette” a 7’20” grazie alle triple di Piunti e Dagnello e al canestro “più fallo” dell’ex Mascherpa, costringendo subito al time out l’ex coach Garetto (2-9). La musica, però, non cambia perché gli ospiti vanno sul 4-13 con Piunti e Siberna, concedendo a Pavia solo quattro punti in sei minuti di gioco. I rossoneri reagiscono con l’esperienza di Buscaino, Fossati e la tripla di Vitali (chiuderà con 5/6 da tre) per il “meno due” a 1’44” (11-13). L’1/2 di Perego e il 2/2 di Brambilla dalla lunetta fissano il risultato della prima frazione di gioco sul 13-16 per Lecco. In avvio di secondo tempo i blucelesti vacillano complice il parziale pavese di 9-2 firmato dai due punti di Venturelli e dai sette consecutivi di Zennaro per il 22-18 a 7’33”, ma non crollano. Ci pensano Dagnello (1/2 ai liberi), Piunti “da due” e Balanzoni con cinque punti consecutivi a scrivere il contro-parziale di 8-0 che significa “più quattro” a 4’37” (22-26). Da questo momento in poi Lecco non abbandonerà più il vantaggio, toccando anche il “più sei” con la prima tripla del pomeriggio di Mascherpa (27-33 a 2’25”), prima di andare all’intervallo lungo con un margine di tre punti (34-37).

Il secondo tempo si apre con la tripla di Siberna, a cui rispondono per le rime Ferri prima e Venturelli poi per la parità assoluta dopo due minuti di gioco (40-40). Nei restanti 8′ prima della terza sirena va in scena il capolavoro tecnico-tattico della squadra di Meneguzzo. Due soli punti subiti e ben 19 segnati per il 42-59 di fine terzo quarto che spezza la partita e permette a Lecco di farla propria. Dall’arco Mascherpa è quasi perfetto (3/4), in area ci pensano Piunti (3 rimbalzi, due punti e un assist) e Balanzoni (3/4 “da due”, due rimbalzi e un assist). L’ultimo periodo diviene utile solo per le statistiche, perché il risultato non è più in discussione e Lecco trova addirittura il “più ventitrè” col canestro di Balanzoni a 4’23” (50-73). Solo la precisione dai 6,75 della guardia ex Cento Vitali evita a Pavia un passivo così pesante e la gara si chiude sul 58-75 per Lecco.

Prossimo appuntamento domenica 1 novembre alle ore 18 per la sesta giornata di campionato: al “Bione” arriverà la Co.Mark Bergamo.

L’intervista al nostro capitano Giulio Mascherpa

image

Quella di domenica, per lui, non sarà una partita come tutte le altre. Giulio Mascherpa torna a calcare il parquet del PalaRavizza di Pavia, la sua città, dopo quattro anni e lo fa da capitano della GIMAR Basket Lecco. Tra i migliori marcatori della passata stagione, il numero 8 bluceleste si sta confermando a grandi livelli anche in questo avvio: 16,5 punti, 4,5 rimbalzi, 2,5 assist e 14,8 di valutazione di media in quattro partite.

Giulio, facciamo un passo indietro a quest’estate. Tanti rumors di mercato, poi la conferma e i gradi di capitano. Dopo una stagione da assoluto protagonista, ti senti ancor più responsabilizzato?

Essere capitano a 23 anni di una squadra di serie B è una grande soddisfazione. Quest’estate sono stato vicino ad una squadra di A2 e in B sono stato ricercato da tante società, ma ho deciso di restare a Lecco per proseguire il percorso intrapreso con coach Meneguzzo in una piazza che mi ha dimostrato tanta stima e affetto.

Un avvio di regular season convincente, tenuto presente che avete affrontato due corazzate come Udine e Orzinuovi mentre con Firenze e Desio si è visto un bel Lecco e sono anche arrivati punti importanti. Dove può arrivare questa squadra?

Devo dire la salvezza altrimenti il Presidente e Max mi sgridano. A parte gli scherzi, credo che tolte Udine, Orzinuovi, Bergamo e Urania, ci sia abbastanza equilibrio e solo lavorando più degli altri possiamo toglierci qualche soddisfazione in più. E’ quello che stiamo facendo.

Tra i tuoi compagni chi ti sta sorprendendo di più in questo inizio di stagione?

Pisy ritengo che sia una delle guardie migliori del girone, Sibe e Bala stanno facendo benissimo, Tode dopo un avvio incerto è stato decisivo nelle ultime due vittorie, poi c’è la truppa dei giovani che ci sta aiutando molto. Però, se devo indicarne solo uno, scelgo Giorgio per la facilità con cui si è adattato nel nuovo ruolo e per la qualità che riesce ad esprimere sul parquet quando non è limitato dai falli.

Veniamo a Pavia, sicuramente una partita particolare per te. Che ricordi hai e che gara ti aspetti?

E’ una gara speciale  per due motivi: sia perché torno a Pavia dopo che venni tagliato 4 anni fa e quindi c’è un pò di voglia di rivincita, sia perché torno in un palazzetto che mi ha regalato tante soddisfazioni, dallo scudettino U19 alle convocazioni in A2 insieme a giocatori del calibro di Colussi e Forte, dai quali ho imparato molto. Sarà sicuramente una partita difficile e, per me, molto emozionante dato che verranno a vederla molti miei amici. Sono convinto che potremo giocarci le nostre chance fino in fondo.

E’ Giulio Mascherpa il playmaker più forte del campionato?

Credo di avere ampi margini di miglioramento, ma ho la fortuna di essere allenato dal miglior coach del campionato e nel mio ruolo non mi sento inferiore a nessuno. Certo, questo dovrò dimostrarlo di domenica in domenica sul campo.

Gli avversari di domenica: Edimes Basket Pavia

image

Dopo due vittorie consecutive è il momento della terza trasferta della stagione. Domenica, alle 18, faremo visita alla Edimes Basket Pavia, l’anno scorso quinta in regular season nel girone A ed eliminata ai quarti di playoff da Livorno (2-0). I pavesi, ad ora, hanno affrontato tre stessi avversari dei nostri: sconfitti come noi dalle corazzate Udine e Orzinuovi, i rossoneri a differenza nostra hanno perso anche contro Desio. Nell’ultima giornata, però, Pavia si è sbloccata imponendosi con autorità sulla Robur et Fides Varese che era a punteggio pieno dopo i primi tre turni.

Per questa stagione la società ha deciso di ripartire dai confermati coach Paolo Garetto (ex Basket Lecco), il capitano 37enne Roberto Fossati (playmaker), la guardia tiratrice Michele Venturelli e l’ala grande italo-argentina Damian Buscaino, con l’obiettivo di migliorare quanto fatto l’anno scorso. Inoltre, sono stati presi il duttile esterno (più ala che guardia) 22enne Alessandro Ferri (ex Crema e vincitore del titolo Nazionale Under 19 Elite con Casalpusterlengo), l’ala grande classe ’92 Luca Schiano (l’anno scorso in B a Martina Franca), l’esperta guardia e miglior tiratore di liberi del girone Paolo Vitali (l’anno scorso nostro avversario ai quarti di playoff con Cento), il giovane play/guardia classe ’95 Giulio Zennaro (ex Sangiorgese), l’ala/pivot Andrea Bartolucci (classe ’85 l’anno scorso in A2 a Imola), l’esperta ala grande Maurizio Pavone (l’anno scorso nelle fila del CUS Torino in B) e l’ala grande Matteo Mustacchio (classe ’95 prodotto del settore giovanile di Latina e l’anno scorso promosso in C Gold con Fabriano).

Insomma, una formazione esperta e con un’età media molto più alta rispetto alla nostra: 28 contro 21,1.

Avrà la meglio l’esperienza o la sfrontatezza dei giovani?

Appuntamento al PalaRavizza di Pavia (via Treves) alle ore 18 per la quinta giornata di campionato: EDIMES Basket Pavia-GIMAR Basket Lecco.

GIMAR Basket Lecco-RimaDesio 70-57

12132595_10207617950587802_3298060401387112907_o

Tra tutti i bei momenti del pomeriggio lecchese, forse, l’istantanea migliore è quella che ritrae l’applauso a braccia alzate di coach Massimo Meneguzzo sotto la tribuna di un “Bione” finalmente decisivo. La GIMAR Basket Lecco dell’entusiasta presidente Antonio Tallarita vince, convince e diverte contro la RimaDesio degli ex Novati, Gallazzi e, soprattutto, dell’ex capitano Andrea Negri. Lecco, così, ottiene la seconda vittoria consecutiva con meno di 60 punti subiti, raggiungendo proprio i brianzoli a quota quattro punti in classifica.

Il quintetto bluceleste parte forte e dopo 1’45” è gia 6-0 con la tripla di Piunti e il canestro più fallo di Mascherpa. Desio risponde subito con la sospensione di Novati e la tripla di Negri, prima del nuovo allungo dei padroni di casa grazie alla tripla di Mascherpa per il 10-5 di metà primo quarto. A questo punto Lecco va in black-out e Desio la stordisce con un parziale di 13-0 firmato dai sette punti di Politi, dominatore nel pitturato nel primo tempo, dal “gioco da tre” di Novati e dalla tripla di Corno per il 10-18 a 1’08”. Lecco risponde col solito Mascherpa e con Piunti, prima del “più sei” per Desio firmato da Quartieri sulla sirena (14-20). Il secondo quarto si apre con un’altra partenza sprint della GIMAR, che torna a contatto grazie a un’altro canestro con fallo subito di Mascherpa e con i due punti di Balanzoni, ma Negri non ci sta e infila la tripla del 19-23 a 7’04”. La partita è bellissima e Lecco torna a “meno uno” grazie ai cinque punti consecutivi del ’96 Siberna, prima di tornare al massimo svantaggio accumulato fin lì, “meno sei”, frutto della terza tripla di Negri e del canestro “da due” di Novati (24-30 a 2’32”). Lecco dimezza lo svantaggio col 2/2 dalla lunetta di Piunti e la prima tripla della gara di Dagnello, ma è un’altra tripla di Corno a spezzare la rimonta dei ragazzi di Meneguzzo per il 30-33 dell’intervallo.

Il secondo periodo si apre malissimo per i padroni di casa che subiscono lo 0-5 di Desio che significa “meno otto” (a 8’48”), ma non mollano e il parziale di 12-4 griffato dai sei di Mascherpa, i due a testa per Todeschini e Piunti e la tripla di Dagnello, inframezzati dai quattro punti di Politi, porta la gara in parità assoluta con 3’42” sul cronometro da giocare (42-42). Desio si scioglie: l’ex più atteso Negri, nel momento decisivo, smette di trovare il canestro con facilità (solo cinque punti nel secondo tempo dopo gli 11 del primo) e Politi, fin lì decisivo, prima si infortuna al gomito e poi da terra scalcia Balanzoni. Il fallo antisportivo fischiato contro il pivot desiano, però, non viene sfruttato nel migliore dai modi da Lecco che con Balanzoni fa 0/4 ai liberi, ma è ancora una volta Todeschini ad allungare per il “più sette” di fine terzo quarto (51-44). Nell’ultima frazione Lecco non abbassa i ritmi e trova subito la doppia cifra di vantaggio con Dagnello e Balanzoni dopo poco più di un minuto (56-46), ma Desio è viva e col canestro e fallo di Colombo e la tripla di Negri ritorna sotto (56-52 a 7’28”). Poi è il festival delle triple: a Dagnello risponde Quartieri, a quest’ultimo Todeschini per il 62-55 a quattro minuti dall’ultima sirena. E’ il parziale di 6-0 in favore di Lecco, sommato alla quinta stoppata personale di Balanzoni, che fa scattare in piedi i tifosi lecchesi per la meritatissima standing ovation, a chiudere la gara in favore di Lecco (68-55 a 1’20”). I due punti di un volenteroso Brambilla sanciscono il 70-57 finale.

Prossimo turno domenica 25 al PalaRavizza di Pavia (via Treves) contro la Edimes Pavia di coach Garetto. Inizio della gara alle ore 18,00.

Under 16 – 1^ andata: UCC Casalpusterlengo – Basket Lecco 69-53

Dura solamente 15 minuti la tenuta del gruppo Under 16: il vigoroso strattone dei ragazzi lodigiani nella parte centrale del secondo periodo ha segnato poi indelebilmente la gara, che ha visto un sostanziale equilibrio nella seconda metà.

L’approccio alla gara dei blucelesti è buono, tanto che nel primo quarto sono riusciti a mettere per qualche istante il naso avanti, spaventando la truppa di coach Ale Fontana. Le scorribande di Oriti e Tasso cominciano fin da subito, ma i colpi sono attenuati da Ghirlandi e Marchesi per il 22-18 della prima sirena. Nel secondo periodo la tripla di Cappello sigilla il -1 (24-23) ma, invece di lanciare l’arrembaggio, i giovanissimi di Monti e Riva si sono fatti sorprendere con uno 0-7 in un amen che li ha messi in gravissima difficoltà: il time-out ospite riesce a contenere la ferita (33-25), ma Casalpusterlengo allunga con 6 punti negli ultimi 30″ di quarto fino al 41-28 dell’intervallo, ma Lecco ha la spia della riserva accesa.

Nel terzo parziale si riparte con la giusta concentrazione, ma la consistenza difensiva negli 1c1 lascia ampi spazi a Cipolla e compagni, che con pazienza e abilità hanno trovato quasi sempre la giusta soluzione sugli scarichi sia in area sia dalla media. Nel quarto periodo il tabellone luminoso segna anche il massimo vantaggio di casa (62-43 al minuto 33), ma è un sussulto finale di Valsecchi e Colosimo che chiude la gara sul 69-53 finale

Buono nel complesso l’arbitraggio, che solo poche volte ha attirato su di sè l’attenzione.

Campionato Under 16 Elite – 1^ giornata di andata
UCC Casalpusterlengo – Basket Lecco 69-53 (41-28)

 

Casalpusterlengo: Cipolla (K) 3, Focarilli, Sali, Tasso 20, Ziccotti, Oriti 26, Silipo 2, Andreoli, Boccalari 3, Grassi 4, Ferrario 9, Peviani 2.  All. Fontana
Lecco: Ghirlandi (K) 15, Perillo 5, Colombo ne, Valsecchi 2, Cianci 3, Colosimo 10, Molgora, Monte, Goretti, Cappello 4, Lomasto, Marchesi 14. All. Monti-Riva

Parziale dei quarti: 22-18, 19-10; 19-15; 9-10
Note:
TL -> UCC: 10/28 BL: 14/31
T3 -> UCC: 1 (Ferrario) BL: 1 (Cappello)
FF -> UCC: 21 BL: 21

Arbitro: Magnone

 

Prossimo turno: domenica 25 ottobre alle ore 11:30 presso il Centro Sportivo Bione, si gioca la seconda gara di andata contro Robur Varese.