GIMAR Basket Lecco-VIVIGAS Alto Sebino 97-88

12308150_10207851753112719_8977605493416522232_o

Dopo due sconfitte torna al successo la GIMAR di coach Meneguzzo contro la VIVIGAS Alto Sebino, e lo fa con una super prova offensiva mandando a referto ben cinque giocatori in doppia cifra. Addirittura in tre oltre i venti punti segnati: i “soliti” Mascherpa, Piunti e Dagnello (rispettivamente 25, 23 e 21 punti segnati). Ben 97 i punti totali, con ottime percentuali dal campo: 50% complessivo, frutto di un 56% da dentro l’area e di un 40% dall’arco. Si segnalano inoltre la buona conferma di Freri dopo Varese (6 punti e 2 rimbalzi) e il buon approccio del giovanissimo classe ’98 Lorenzo Monte (1 rimbalzo e 2 assist in quasi 8′). Unica nota negativa della serata la troppa libertà lasciata in area agli avversari che hanno tirato col 67% “da due”, chiudendo la gara a quota 88 punti segnati.

L’avvio è equilibrato: a Dagnello, Piunti e Mascherpa rispondono Squeo e Belloni per il 7-7 a 6’39”. Poi, dopo il primo e unico vantaggio ospite della gara, Lecco costruisce il margine di vantaggio che gli permette di vincere la partita: 9-2 il parziale suggellato dalla tripla di Mascherpa che dice “più sei” a 3’33”. La VIVIGAS reagisce col canestro e fallo di Baldini, ma Lecco risponde subito con un altro affondo importante: 13-1 il parziale mortifero, firmato da Todeschini (4 punti), Piunti, Mascherpa e dalla tripla finale di Dagnello per il “più quindici” di fine quarto (29-14). In avvio di secondo quarto continua il monologo bluceleste: addirittura “più diciotto” a 7’34” (38-20) grazie alla coppia d’oro Mascherpa-Dagnello. Ma Pilotti non ci sta e con otto punti consecutivi riporta “sotto” la VIVIGAS in poco più di 1′ di gioco per il 40-28. Il tentativo di rimonta, però, si infrange sulla precisione dall’arco di Todeschini: due triple che valgono il 50-36 a 3’20”. La schiacciata di Siberna e la tripla di Zampolli mandano le due squadre all’intervallo sul 56-42.

Nel secondo tempo il canovaccio non cambia, perché Lecco continua a trovare ottime percentuali al tiro e tocca il massimo vantaggio prima della metà del terzo quarto: 70-50 con la tripla di Dagnello a 5’55”. Poi, i padroni di casa perdono lucidità in attacco e subiscono un parziale di 8-25 a cavallo tra terzo e quarto periodo che fa rientrare in gara la VIVIGAS, trascinata dai suoi uomini migliori Pilotti, Zampolli e Squeo (rispettivamente 25, 22 e 20 punti segnati): 78-75 a 7’21” dalla sirena finale. Lecco, però, non si scompone e con i quattro punti di Mascherpa e i due di Siberna rimette due possessi pieni di vantaggio tra sé e l’avversaria: 84-78 a 6’15”. Dall’altra parte il solito Pilotti non molla e la VIVIGAS torna a “meno tre”, prima delle triple di Dagnello e Freri che valgono il “più sette” per Lecco e spezzano la rimonta dei bergamaschi: 90-83 a 5’08”. Nell’ultima metà del periodo conclusivo la vena realizzativa di entrambi gli attacchi si placa e i sette punti consecutivi di Piunti aumentano ancora le distanze tra le due squadre: finisce 97-88 per la GIMAR che supera Varese e si appaia a Vicenza (prossima avversaria) al quinto posto in classifica con 12 punti.

 

Prossimo turno domenica 6 dicembre alle ore 18 al Palazzetto dello Sport di Vicenza (via Goldoni 32): BANCO POPOLARE Vicenza-GIMAR Basket Lecco.

Annunci

Under 16 – 6^ di andata: Milano 3 Basket – Basket Lecco 59-54

12291827_535967336570039_3975999414702014671_o

Se si partisse a descrivere la gara dalla fine ci sarebbe, come si suol dire, “da leccarsi i baffi” per la prestazione del gruppo 2000/01: il recupero dal -12 di metà terzo periodo al -2 con la tripla di Lomasto a 15″ dalla fine, frutto di un’aggressività di squadra sui due lati del campo mai vista prima, è stato veramente un bel vedere per tutti gli spettatori accorsi al palazzetto di Basiglio.

Peccato per un secondo quarto bluceleste da mani nei capelli, che ha di fatto spianato la strada per il referto rosa agguantato poi dai padroni di casa (21-14 il parziale), perché nel primo periodo Milano3 non era riuscita a scappare nonostante le due triple con cui ha aperto la partita (ben sei i differenti giocatori che ne hanno messa almeno una sulle sette totali). Dopo l’intervallo, arrivato sul 35-26, i lecchesi non sono riusciti subito a invertire l’inerzia a proprio favore, arrivando fino al 40-28 del minuto 25: da lì una molla è scattata e, punto dopo punto, il trio Colosimo, Lomasto e Marchesi con incursioni e tiri dalla lunetta hanno portato i compagni fino al “quasi colpaccio” (56-54), messo a tacere dalla freddezza ai liberi di M. Gabanelli che che con un 2 su 2 di fatto ha chiuso la gara.

 

Campionato Under 16 Elite – 6^ giornata di andata
Milano 3 BasketBasket Lecco 59-54 (35-26)

Milano 3: Olan 4, Dellera 10, Massaro 3, A. Gabanelli 16, M. Gabanelli (K) 5, Torello 8, Mori 2, Sacchi 2, Salvi, Di Conzo 7, Marzi 2, Dotti. All. Colombo-Curti
Lecco:
Valsecchi 2, Perillo, Monte, Colombo, Cappello ne, Ghirlandi (K) 3, Lomasto 16, Molgora, Marchesi 13, Cianci 1, Colosimo 19, Goretti. All. Monti-Riva

Parziale dei quarti: 14-12, 21-14; 12-14; 12-14

Note:
TL -> MI: 21/25 – BL: 16/22
T3 -> MI: 7 (2 Dellera, 1 Massaro, A. Gabanelli, M. Gabanelli, Torello, Di Conzo) – BL: 4 (3 Lomasto e 1 Colosimo)
FF ->MI: 20 – BL: 18

Arbitro: Allievi

Prossimo turno: sabato 28 novembre alle ore 16:30 presso il Palazzetto del Centro Sportivo Bione, si gioca la settima gara di andata contro Lesmo 2004.

Gli avversari di domenica: VIVIGAS Alto Sebino

club_62

Dopo due sconfitte consecutive maturate sul filo del rasoio, domenica riceviamo al “Bione” la VIVIGAS Alto Sebino. I bergamaschi, seconda peggior difesa al pari di Pavia con 72,2 punti di media concessi agli avversari, sono i terzi  migliori tiratori da dentro l’area col 51% e i peggiori dall’arco col 27%. Inoltre, la VIVIGAS è la seconda squadra che cattura più rimbalzi (41,1) e, al pari di Bergamo, è la terza migliore per valutazione (77).

Dopo la salvezza della passata stagione e l’addio del capocannoniere Simone Centanni, la società ha confermato il coach Alessandro Crotti alzando l’asticella degli obiettivi di stagione, insieme al playmaker classe ’94 Francesco Belloni e al pivot Michele Squeo (’89). Da Udine sono arrivate due pedine di grande valore, ovvero la guardia Gionata Zampolli (’85) e l’ala grande Andrea Pilotti (’80), mentre dal settore giovanile della CAP Genova l’ala piccola Edoardo Caversazio a completare il quintetto tipo. Entrano nelle rotazioni con un buon minutaggio anche i giovani Mattia Coltro (playmaker classe ’97) e Giacomo Baldini (ala piccola classe ’96), anch’essi provenienti dalla CAP Genova. Completano il roster i giovani, tutti ’96, Christian Cattaneo (guardia ex Tradate in C2), Alessandro Romano (ala grande proveniente dal settore giovanile della Reyer Venezia) e Silvio Stanzani (pivot proveniente da Mantova).

Un occhio alle statistiche individuali: Zampolli è il miglior realizzatore dell’intero girone con 19,3 punti di media a gara, mentre Michele Squeo è il miglior rimbalzista con 12,4 rimbalzi totali medi, nonchè il terzo più preciso al tiro, sommando i tentativi “da due” e “da tre”, col 58%. Gli stessi Squeo e Zampolli sono rispettavamente secondo e terzo nella classifica della valutazione media: 20,2 il pivot, 19,2 la guardia.

 

Appuntamento domenica al “Bione” alle ore 18: GIMAR Basket Lecco-VIVIGAS Alto Sebino.

 

 

COELSANUS Robur et Fides Varese-GIMAR Basket Lecco 80-78

12247730_10207806318656886_4792092527944661606_o

Altra sconfitta per la GIMAR, la seconda consecutiva per due soli punti di distacco. Al Campus di Varese la Robur smentisce le statistiche negative della vigilia segnando ben 80 punti col 52% dall’arco. Lecco paga la scarsa lucidità nelle battute finali di gara, causa rotazioni cortissime e un metro arbitrale alquanto discutibile.

L’avvio è tutto di marca Robur, con un parziale di 8-0 dopo 1′ gioco, ma Lecco risponde subito con cinque punti di Perego e la sospensione di Siberna per l’8-7 a 8’39”. Il primo vantaggio ospite arriva poco dopo la metà del periodo con Mascherpa (9-11 a 4’33”), mentre il successivo canestro e fallo di Siberna regala il “più cinque” agli uomini di coach Meneguzzo (9-14 a 4’12”). La Robur, però, non ci sta e pareggia il conto con il 2/2 dalla lunetta dell’ottimo Bolzonella (MVP di serata) e le triple di Rovera e Santambrogio: 17-17 a 3’08”. Al suono della prima sirena il risultato è di 21-19 in favore dei gialloblu padroni di casa. Il secondo periodo si apre nel segno di Matteucci: 2/2 dall’arco con fallo subìto annesso per il 28-19 a 7’56”. La GIMAR non molla e con Mascherpa dalla lunetta e Dagnello “da tre” resta agganciata a “meno quattro”, prima di un altra tripla di Matteucci (31-24 a 6’07”). E’ il parziale di 4-11, firmato dagli otto punti di Mascherpa e dal tap-in di Freri, a riportare Lecco avanti a 2’10” dal termine (33-35). Poi, è il controparziale Robur di 12-3 a chiudere sul 45-38 all’intervallo.

In avvio di secondo tempo la Robur prova ad inserire il turbo con Bolzonella e Santambrogio, ma è sempre Mascherpa a rispondere con quattro punti consecutivi per il 49-44 a 7’11”. Il controsorpasso arriva a 2’57” dalla terza sirena con la tripla del positivo Freri (52-53), mentre è Piunti ad allungare sul “più quattro” con un canestro e fallo. Castelletta e Bolzonella sanciscono la parità assoluta a 1o’ dalla fine: 56-56. In avvio di quarto periodo Lecco prova a scappare con la tripla di Mascherpa e il canestro di Siberna, ma è ancora Bolzonella a rispondere con la tripla del 59-61 a 7’43”. La partita si fa vibrante con Lecco salda al comando fino ai cinque punti consecutivi di Bolzonella che riportano avanti la Robur per il 68-67 a 2’39”. La tripla di Dagnello a 1’21” dallo scadere sembra cambiare l’inerzia della gara (72-74), ma Santambrogio risponde subito dall’arco per il nuovo controsorpasso gialloblu (75-74 a 0’51”). Così, la gara si decide sul filo del rasoio dei tiri liberi. Dopo il 2/2 di Piunti, lo stesso pivot commette fallo in attacco e Castelletta non perdona (77-76 a 0’27”). Con un possesso pieno a disposizione la GIMAR avrebbe comunque la possibilità di vincere la partita, ma Mascherpa perde la palla decisiva e i falli sistematici non cambiano la sostanza. Finisce 80-78 per la Robur che aggancia Lecco a quota 10 punti in classifica.

 

Prossimi appuntamenti: domani sera al PalaParodi di Lierna amichevole benefica contro i padroni di casa, palla a due alle ore 20,30; domenica prossima al “Bione” la decima di campionato contro la VIVIGAS Alto Sebino, palla a due alle ore 18.

 

Gli avversari di sabato: COELSANUS Robur et Fides Varese

20150820_101139

Dopo la sconfitta interna contro Crema, l’occasione per il pronto riscatto arriva dalla trasferta di Varese contro la Robur et Fides, in anticipo sabato alle ore 20,30. I gialloblu del confermato coach Franco Passera, reduci da due sconfitte consecutive (quattro nelle ultime cinque gare), sono il secondo peggior attacco del campionato con soli 61,6 punti di media a partita, la seconda peggior squadra a rimbalzo (30,8 rimbalzi medi a gara) e la peggiore in assoluto al tiro dall’arco (28%). Nonostante ciò, la Robur ha uno score in perfetta parità (4V e 4P) e ci insegue a soli due punti di distanza, ed è la terza miglior squadra per palle recuperate (7,6 a partita), dietro solo ad Udine e Orzinuovi.

Dopo la sconfitta della passata stagione in semifinale playoff (girone A) contro Cecina (0-3), la società ha confermato praticamente tutti, con la sola aggiunta dell’ala grande classe ’93 Alessio Sabbadini (prodotto del settore giovanile Robur ma nella passata stagione al CUS Torino in B). Fanno dunque parte del roster varesino i playmaker Luca Moalli (’97), Federico Bolzonella (’84) e Marco Santambrogio (’88), le guardie Filippo Rovera (’86) e Matteo Maruca (’97 nel giro delle nazionali minori). Completa il reparto esterni la giovane ala classe ’96 Silvio Innocenti. Sotto le plance, accanto al già citato unico “nuovo” acquisto Sabbadini, ci sono le ali grandi Luca Matteucci (’84) e Fabio Lenotti (’92), e il pivot Giulio Castelletta (’92). Completano il roster i giovani Andrea Cattalani (play classe ’96) e Giordano Pagani (pivot classe ’98).

Un occhio alle statistiche individuali: Bolzonella è il miglior realizzatore della squadra con 17,3 punti segnati a partita, mentre Castelletta è il miglior rimbalzista con 6,4 rimbalzi totali di media a gara. Inoltre, Matteucci è il quarto miglior “ladro” di palle dell’intero girone (1,9 di media a gara).

 

Appuntamento dunque al Campus di Varese (via Pirandello) per le ore 20,30 di sabato: COELSANUS Robur et Fides Varese-GIMAR Basket Lecco.

Under 16 – 5^ di andata: Basket Lecco – Excelsior Bergamo 82-40

11707766_533686413464798_3569335908190862189_o

All’alba della quinta giornata è arrivata la prima vittoria per il gruppo 2000/01 targato Basket Lecco, ottenuta contro Excelsior Bergamo (82-40) in una gara dominata in tutto l’arco dei 40′ di gioco.

La partenza è di grande qualità, tanto che in 4 tiri si raggiunge il 7-0 con la bomba di Lomasto prima del time-out ospite. Dopo la breve interruzione, la partita non cambia, si raggiunge anche l’11-0 con ottime giocate e intensità difensiva, con il primo periodo termina in equilibrio fino al 23-11. Nel secondo periodo Ghirlandi (spettatore privilegiato accomodato in panchina) e compagni non sono precisi in attacco come nel primo parziale e Bergamo continua a fare la sua partita senza mai mollare (38-21 all’intervallo).

Dopo la pausa lunga, i bianchi di casa decidono di chiudere definitivamente la gara, giocando bene senza la palla ma soprattutto martellando sugli scarichi da oltre l’arco con Colosimo (2 bombe e 13 punti nel solo terzo quarto), Marchesi e Colombo che fanno volare i compagni sul 64-28 dopo i primi 30 minuti. Nell’ultimo quarto sono molteplici e continui i capovolgimenti di fronte, ma con una precisione inferiore nelle conclusioni, con cui la gara volge fino al termine.

Nell’immediato, si attendono risposte per quello che riguarda le voci continuità e intensità: lo scopo è quello di poter togliere dalla penombra la crescita costante di tutti i ragazzi, soprattutto perché non sono ancora riusciti a mettere completamente in mostra tutto il potenziale e il gran lavoro svolto in palestra in questa prima parte di stagione.

 

Campionato Under 16 Elite – 5^ giornata di andata
Basket Lecco – Excelsior Bergamo 82-40 (38-21)


Lecco:
Valsecchi 1, Perillo 6, Monte, Colombo 4, Cappello 2, Ghirlandi (K) ne, Lomasto 5, Molgora 12, Marchesi 20, Cianci 6, Colosimo 24, Goretti 2. All. Monti-Riva
Bergamo: Frigerio 4, Ravasio, Guerra, Buttarelli 2, Papini 7, Ottelli 2, Milesi (K) 4, Forlani 2, Cioli 8, Maggio 4, Frosio 6, Dodesini 1. All. Longano-Bombassei

Parziale dei quarti: 23-11, 15-10; 26-7; 18-12
Note:
TL -> BL: 20/39 – EB: 8/13
T3 -> BL: 6 (2 Marchesi e Colosimo, 1 Lomasto e Colombo) – EB: 0
FF ->BL: 18 – EB: 29

Arbitro: Monti

Prossimo turno: domenica 22 novembre alle ore 15:30 presso il Palazzetto Milano Tre di Basiglio (MI), si gioca la sesta gara di andata contro Milanotre Basket.

GIMAR Basket Lecco-EROGASMET Crema 73-75

12187778_470728006455546_1105259152228641101_n

Dopo cinque vittorie consecutive cade la GIMAR, sconfitta 73-75 dalla EROGASMET, davanti ad un numeroso pubblico, tra cui gli ospiti speciali dell’associazione di sviluppo cognitivo Aspoc Lecco (una trentina di ragazzi diversamente abili accompagnati da una decina di educatori). Il pomeriggio dei lecchesi inizia male, quando già nel riscaldamento Balanzoni dà forfait per un problema al ginocchio. Come se non bastasse, Brambilla si infortuna dopo un minuto di gara e Piunti gioca limitato dai falli per quasi due periodi (uscirà dalla gara a 4′ dal termine).

L’avvio è contratto per entrambe le squadre: 6-6 a 6’39” con Tardito pronto a rispondere a Siberna. Poi, il parzialone ospite di 1-12 firmato da Liberati, Tardito, Bozzetto e dalle triple dell’ex Cissè e di Montanari (7-18 a 3’13”). Lecco, però, non molla, e torna a “meno tre” in chiusura di periodo concedendo due soli punti a Crema e sfruttando nel migliore dei modi il “bonus falli” a disposizione: il 4/4 di Mascherpa e il 2/2 di Piunti dalla lunetta, uniti ad altri quattro punti spartiti tra i due, sanciscono il 17-20 al suono della prima sirena. Nel secondo quarto i blucelesti partono forte con il parziale di 7-0 griffato Siberna (2) e Piunti (5) che dice “più quattro” a 7’43” (24-20). Crema reagisce e ritorna in parità con Cissè e Bozzetto, prima di subire l’unica “bomba” di serata di Dagnello. La battaglia sul parquet si fa serrata, con i due quintetti che ribattono colpo su colpo: quando Lecco prova a scappare con la tripla di Mascherpa (30-26 a 5’14”) Crema risponde subito col “gioco da tre” di Montanari e l’1/2 ai liberi di Tardito per la nuova parità assoluta (a 4’23”). E’ il parziale di 11-1, orchestrato da uno scatenato Siberna autore di sette punti, che sembra indirizzare il risultato verso i padroni di casa per il “più dieci” a 1’23” (41-31). Il 4/4 dalla lunetta di Tardito accorcia per Crema sul 41-34 all’intervallo.

Il secondo tempo si apre con una precisione chirurgica dall’arco: alle triple di Zanella e Liberati rispondono quelle di Mascherpa e il distacco resta invariato (47-40 a 7’31”). Poi, per due minuti nessuno segna e Piunti commette il quarto fallo personale, e Lecco può amministrare il vantaggio fino al termine del terzo periodo. Crema arriva a “meno quattro”, prima col canestro di Cissè a cui risponde Todeschini “da tre” (56-49 a 3’12”), poi coi due liberi di Zanella, ma questa volta a rispondere dall’arco c’è il baby Riva (per tutti Babu) per i suoi primi punti in serie B (59-52 a 1’41”). E’ lo stesso giovane pivot lecchese a fissare sul 63-55 il risultato di fine quarto con l’1/2 dalla lunetta. Negli ultimi 10′ di gioco Lecco perde la partita, complice la complicatissima situazione falli, segnando la metà degli avversari (soli 10 punti all’attivo). Crema ricuce subito con Del Sorbo e Bozzetto in poco meno di un minuto (63-59), prima di trovare la nuova parità assoluta a 5’54”(65-65) grazie allo show di Bozzetto, autore di sei punti consecutivi. Senza Freri e Perego, out per cinque falli personali, e con Piunti limitatissimo, Lecco fa quello che può, con Mascherpa a rispondere all’indemoniato Del Sorbo (69-69 a 3’29”). E’ l’ultima volta che il tabellone segna il punteggio in parità, perché Lecco capitola sotto i colpi del solito Bozzetto e della tripla dalla distanza di Del Sorbo che spezza la partita per il “più cinque” ospite a 3’28” (69-74). Lecco prolunga la gara col mai domo Mascherpa e grazie agli errori in lunetta di Montanari, ma la sostanza del match non cambia: finisce 73-75 per Crema che si lascia alle spalle Lecco, raggiunta in classifica da Urania Milano e da Vicenza.

Prossimo appuntamento in trasferta al Campus di Varese (via Pirandello) contro la Coelsanus Robur et Fides: palla a due alle ore 20,30 di sabato 21.