CO.MARK Bergamo-GIMAR Basket Lecco 70-46

10644566_10208717401553389_2390249371915923783_o

Si chiude in gara 3 dei quarti di playoff la stagione 2015-16 della GIMAR Basket Lecco, travolta a Bergamo 70-46. Una gara durata solo fino all’intervallo, decisa dalla maggiore profondità del roster giallonero e dal dominio a rimbalzo (52 vs 32), oltre che da percentuali bassissime nelle mani dei blucelesti (39% da due, 8% da tre e 59% dalla lunetta). Va in archivio, quindi, una stagione comunque positiva per la società del Presidente Antonio Tallarita che, partita con l’obiettivo della salvezza, per il secondo anno consecutivo è riuscita a regalare ai suoi tifosi un traguardo per molti impensabile. Oltre che alla società e ai dirigenti, un applauso va anche a coach Meneguzzo e al suo staff, capaci di plasmare un vero gruppo che, nonostante l’età media più bassa del girone, ha saputo lottare alla pari coi grandi della categoria. E’ stata la stagione del record di punti in Serie B (34), del miglior piazzamento (6° posto) e della striscia di vittorie più lunga (sette, tra gennaio e febbraio). Prova della bontà del lavoro svolto è sicuramente la ritrovata passione dei tifosi che, in casa al “Bione” così come in trasferta, hanno gradualmente aumentato le loro presenze. Fino al centinaio di lecchesi che ieri hanno riempito il settore ospiti dell’Italcementi e, a fine gara, si sono fermati ad applaudire la squadra per quanto fatto.

La cronaca. L’avvio è promettente: 0-6 dopo 2′ con la tripla di Dagnello, l’1/2 di Brambilla e la penetrazione di Mascherpa. In un minuto, però, Bergamo raggiunge la parità con Panni e Ghersetti (4). Si prosegue punto a punto, Mascherpa infila altri 5 punti, ma sono ancora Panni e Ghersetti a non far scappare Lecco: 11-11 a metà periodo. Piunti, Dagnello e Balanzoni tengono la GIMAR avanti nel punteggio, prima del pareggio di Pullazzi e del 2/2 di Panni ai liberi che porta in vantaggio la Co.Mark (20-18 a 2′). Vantaggio che rimarrà intatto fino al termine della gara. Botta e risposta dalla lunetta tra Piunti e Bloise: 22-20 alla fine del primo quarto. Il secondo periodo è un incubo per l’attacco bluceleste: in 7’30” la retina non si muove nemmeno una volta, ma Bergamo non ne approfitta appieno segnando appena due volte dal campo (29-20 a 2’30” dall’intervallo). Balanzoni dalla lunetta sblocca Lecco, ma Ghersetti prima e Panni poi spingono Bergamo sul +10: 33-23 a 1’43”. Piunti e Todeschini provano a ricucire, ma è ancora Panni a spegnere i tentativi di rientro, sempre dalla lunetta dei liberi: 35-26 a metà partita.

L’inizio del terzo quarto è fotocopia di quello del secondo: in 4′ nessun punto, ma Bergamo stavolta non sta a guardare e col parziale di 14-0, aperto e chiuso da Chiarello, azzanna il match (49-26). La tripla di Siberna e il 2/2 di Piunti ai liberi provano a dare la scossa, ma Scanzi è implacabile con la seconda tripla della sua serata: 52-31 a 4’41”. La GIMAR prova a reagire e, alla terza sirena, rende meno pesante il parziale: 54-40. L’ultimo periodo si apre col canestro di Freri che sembra poter cambiare l’inerzia della gara dopo una serie di errori dei padroni di casa. Ma è un fuoco di paglia, perché Bergamo torna a raggiungere distacchi ampissimi con Scanzi protagonista (top scorer con 14 punti). Finisce 70-46.

GRAZIE A TUTTI!

SEMPRE FORZA LECCO!

GIMAR Basket Lecco-CO.MARK Bergamo 62-57

10644566_10208717401553389_2390249371915923783_o

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Si ritorna a Bergamo (domenica alle 18 gara 3) per giocarsi l’accesso alle semifinali: chi vincerà incontrerà Orzinuovi. In un “Bione” stracolmo, la GIMAR si prende la rivincita sui gialloneri grazie ad un prova gagliarda, intensa, tutto cuore. Una gara molto simile a quella di domenica scorsa, sia nel punteggio (62-57 ) che nei protagonisti (Piunti e Balanzoni). A spostare gli equilibri, allora, è capitan Mascherpa che, tutelato maggiormente da un metro arbitrale più equilibrato rispetto a gara 1, è tornato ai suoi livelli di realizzazione (top scorer con 18 punti), decisivo nei momenti caldi della contesa. Se dopo domenica scorsa avevamo la consapevolezza di poter prolungare la serie, dopo ieri sera abbiamo quella di poter dare ancora fastidio e puntare alla seconda semifinale consecutiva. Ci aspettano altri 40′ di battaglia per poter scrivere un’altra pagina di storia.

Si inizia come ci eravamo lasciati domenica, ovvero nel segno del pivot bergamasco Ghersetti: 11 dei 13 punti ospiti nei primi 6’30” di gara sono suoi. Lecco, allora, prova ad aprire il campo e sembra prendere coraggio dall’arco, con Brambilla prima e Mascherpa poi (10-7 a 5’13”). Bergamo opera il controsoprasso con la tripla di Ghersetti (12-13 a 3’32”), e con lo stesso argentino e Mercante “allunga” sul +5 (massimo vantaggio) 1′ dopo (13-18). Ma Lecco è viva e, grazie ad una discreta precisione ai liberi, ritorna in parità, dopo un tecnico fischiato al nervoso coach ospite Ciocca (18-18 a 1’43”). Sul finire della prima frazione, Mascherpa infila i 5 punti consecutivi che regalano il minimo vantaggio alla prima sirena (23-22). Nel secondo quarto si segna pochissimo. Dopo 3′ Bergamo prova a rimettere la freccia con Pullazi, tripla e 2/2 ai liberi per il 25-29, ma ancora senza successo. Mascherpa e Brambilla pareggiano il conto a 2’38”, dopo un’infinita serie di errori al tiro e palle perse su entrambi i lati del campo. Balanzoni e Mercante fissano il risultato sul 31-31 all’intervallo.

In avvio di terzo periodo, che si rivelerà decisivo, si ripete il copione del secondo: mani fredde e 2-2 dopo 3′ con Pullazi a rispondere a Mascherpa. Poi, Lecco prova ad accelerare con Balanzoni (4), Piunti e Todeschini per il 41-34 a 4′ dalla terza sirena. Ma Bergamo c’è e con un 6/6 dalla lunetta rientra in partita a 1’20”, prima che si abbatta su di lei la furia lecchese. 8-0 di parziale con Mascherpa e Piunti ai liberi e Balanzoni dall’arco: 48-40 a 10′ dalla fine. Ancora una volta, però, la partita si riapre in un attimo: Pullazi, Panni e Ghersetti confezionano il 6-0 che riporta Bergamo a -2 a 7’46” (48-46). Todeschini e Mascherpa provano ad allentare la pressione, ma Panni non ci sta e con 4′ da giocare il risultato resta in bilico: 54-50. L’inerzia la spezza la tripla di Siberna, a cui fa seguito l’invenzione di Mascherpa dall’angolo: +9 e gara in mano a 2’30”. Panni e Mercante non si arrendono, Lecco soffre e rischia di buttare al vento una gara condotta per 20′. Ghersetti fa 2/2 dalla lunetta a 27” dalla fine (59-57). I 27” più lunghi della stagione, però, non cambiano la sostanza. Dagnello scaccia la paura con grande freddezza ai liberi, e il rimbalzo di Siberna sulla conclusione forzata di Panni mette la parola fine al secondo round. Finisce 67-52. Si va a gara 3, con la consapevolezza di potercela fare, ancora una volta.

GARA 3 QUARTI PLAYOFF domenica alle 18 all’Italcementi di Bergamo (via Statuto 43): CO.MARK Bergamo-GIMAR Basket Lecco.

TUTTI A BERGAMO! FORZA LECCO!

Under 16 – 13^ di ritorno: Basket Lecco – GS Casoratese 53-36

13112936_889306074513064_913188411859628347_news

Finisce nel migliore dei modi l’avventura del gruppo U16 Basket Lecco nel campionato Elite organizzato dal Comitato Regionale Lombardo: altra vittoria contro una squadra che farà i playoff, dopo quella a Saronno (terza classificata) e a Curtatone (sesta) e quasi con Casalpusterlengo (seconda) e a Lesmo (quarta), anche Casorate (quinta) viene messa in un angolo con una super prova difensiva (+22, 53-31 al minuto 39 abbondante).

Si parte forte con un quintetto molto fisico, con Comi subito nella mischia, tanto che Marchesi, ottimo anche in difesa, e Lomasto cercano di indirizzare la gara su di un buon ritmo (6-3). Anche Cappello appena entrato riesce a trovare un ottima conclusione dopo una finta “Indiana” dentro l’area  (12-7 al minuto 5), ma è la difesa che fa subito la voce grossa (14-9 dopo 10′). Nel secondo periodo si iscrivono a referto anche Molgora e Ghirlandi, ma è tutto il gruppo della coppia Monti-Riva a non voler regalare nulla ai varesini: con le triple di Colosimo e Cappello si arriva all’intervallo sul +12 (30-18).

Dopo la pausa, la gara non cambia, i blocchi consecutivi lontano dalla palla proposti dai ragazzi di coach Anilonti, che tanto avevano pagato nel turno di andata – chiuso anch’esso sul +17 – vengono contenuti molto bene dai lecchesi e utilizzati come mezzo per mandare in tilt l’attacco ospite, che si vede costretto a prendere molto spesso tiri affrettati o chiusi. Si arriva così fino al 42-25 al minuto 30. Nell’ultimo periodo Casorate getta la spugna, i canestri continuano a vedere basse percentuali, con Lecco che arriva fino al +22, prima di subire un 5-0 nelle ultime due azioni di gara.

Campionato Under 16 Elite – 13^ giornata di ritorno
Basket Lecco – GS Casoratese 53-36 (30-18)

Lecco: Perillo 4, Castagna, Monte, Cappello 8, Comi 2, Ghirlandi (K) 11, Lomasto 6, Molgora 2, Marchesi 8, Colosimo 12, Goretti. All. Monti-Riva
Casorate Sempione: Bardelli 2, Pandolfi, Belvisi, Memelli 14, Campagnoli, Chiarelli 9, Giuliato 2, Dallacosta 8, Besana, Tomasini 1. All. Anilonti-Chiarelli

Parziali dei quarti: 14-9, 16-9; 12-7, 11-11
Note:
TL -> BL: 7/9 – CA: 14/27
FF -> BL: 21 – CA: 17
T3 -> BL: 4 (2 Cappello e Colosimo) – CA: 1 (Memelli)

Arbitro: Naka

 

L’impatto di inizio stagione con differenti metodi e carichi di lavoro è stato pesante e orientato alla ricerca del miglioramento individuale mentale, tecnico/tattico e fisico per cercare la migliore formazione cestistica ai ragazzi e non il risultato. Questo, nel medio termine, ha portato il gruppo a buoni livelli di qualità e concentrazione sia in allenamento che nell’impegno agonistico del weekend, ma anche a competere e battere le migliori del campionato. Nei primi mesi di gioco ha “sporcato” di fatto la classifica: vedere vincere i ragazzi solamente due volte nelle prime dieci gare del campionato (nell’anno solare 2015 per intenderci) è stato un vero peccato, ma il loro lavoro ha permesso di cambiare letteralmente marcia dopo il torneo di Natale a Porec. I frutti si sono visti anche a livello di risultati, con un bottino di nove gare vinte sulle sedici restanti partite di campionato disputate nel 2016, e di conseguenza con l’avvicinamento dell’ottavo posto play-off, a sole tre partite di distanza e con il sesto posto a solo una in più.

CO.MARK Bergamo-GIMAR Basket Lecco 61-56

12805937_10208517881645516_5913333050934562177_n

Torniamo da Bergamo sconfitti (61-56), ma con la consapevolezza di poter allungare la serie a domenica prossima. Inutile dire che mercoledì sera (ore 21) l’unico risultato contemplato sia la vittoria, confidando in una grande spinta del nostro pubblico, molto numeroso ieri al seguito della squadra. Una vittoria che ieri all’Italcementi è sfumata solo per qualche dettaglio, in una gara molto combattuta, a tratti nervosa. Ottime le prestazioni dei nostri “lunghi” Piunti e Balanzoni, chiamati agli straordinari al cospetto di avversari del calibro di Chiarello, Ghersetti e Pullazi: 15 punti e 7 rimbalzi per il primo, 12 punti e 7 rimbalzi per il secondo. Nell’economia della partita hanno dunque pesato i pochi punti messi a segno dai nostri due migliori realizzatori, ovvero Mascherpa e Dagnello, a referto con soli tre punti a testa, e i molti liberi sbagliati, il 50% di quelli tirati (12 come quelli a disposizione di Bergamo, che ne ha sbagliato solo uno).

Pronti via e i gialloneri tentano subito di scappare con Ghersetti e Panni nel giro di 1′. La risposta della GIMAR non si fa attendere: Brambilla e Piunti pareggiano il conto a 7’48” (4-4). Poi, Bergamo ritorna a comandare il gioco: parziale di 7-0 e a metà periodo il vantaggio sfiora la doppia cifra (11-4). Dagnello e Piunti accorciano sul -3, prima che Pullazi fissi il 15-11 dei primi 10′ di gioco. L’avvio del secondo quarto è super: parziale di 10-0 dopo 2’30” e +6, grazie ai 5 punti di Todeschini, alla “bomba di Mascherpa e al piazzato di Balanzoni (15-21). Chiarello e Ghersetti (ai liberi) riportano sotto la Co.Mark a metà quarto, prima della tripla di Todeschini che ridà ossigeno a Lecco (19-24). Ma è ancora Ghersetti a colpire nel pitturato, seguito subito dopo da Planezio, a segno dalla lunga distanza per il pareggio a 3′ scarsi dall’intervallo (24-24). A Brambilla risponde il solito Ghersetti (4 punti), a Piunti (tripla) Chiarello dalla lunetta. Così a metà gara il vantaggio per i padroni di casa è minimo: 30-29.

All’inizio del terzo quarto si accende Milani: 6 punti consecutivi per il +5 dopo 2’30” (36-31). Poi, Lecco prova a rientrare con Todeschini e Balanzoni, ma Panni e Ghersetti (5 punti) respingono il tentativo bluceleste: 43-36 (a 3’20”). Vantaggio che prende ancora più corpo grazie a Pullazi e Planezio 1′ più tardi: +10 sul 47-37. Ma la GIMAR non muore mai e, grazie alle triple dei suoi “lunghi”, confeziona l’8-0 che la riporta a -2 a 10′ dalla fine (47-45). L’ultima frazione di gara si apre col solito Ghersetti a bersaglio, seguito da Planezio che, dopo poco più di 2′, segna il +6 che rimette due possessi pieni di vantaggio tra le due squadre (51-45). Si segna pochissimo: il primo canestro lecchese arriva dopo 3′ con Balanzoni, il secondo dopo altri 4′ con un grande Brambilla (6 punti, 7 rimbalzi e 2 recuperi finali) per il 53-49. La tripla del neo campione d’Italia under 20 Siberna sembra poter cambiare l’inerzia della gara (55-52) a 2’20” dalla fine, ma dall’altra parte del campo Panni si inventa una “bomba” dagli otto metri che, di fatto, chiude la partita con 1′ e poco più da giocare. Piunti non si arrende, ma Ghersetti è ancora una volta implacabile (21 punti e 7 rimbalzi). Finisce 61-56.

Ora, appuntamento a mercoledì sera alle 21 al “Bione” per GARA 2: GIMAR Basket Lecco-CO.MARK Bergamo

TUTTI INSIEME PER SPINGERE I RAGAZZI ALLA VITTORIA!