Non basta una gran rimonta, a Padova si interrompe la striscia positiva

BA9E54AF-839C-4F72-8198-687E74FF51A8

Non basta la gran rimonta dell’ultimo quarto d’ora di partita. Nella tana di Rubano i ragazzi cedono 84-82 alla Virtus Padova e interrompono la striscia positiva di sette gare vinte. Una partita che ci ha visto soccombere a rimbalzo (42-33) e che, alla fin dei conti, si è decisa dalla lunetta, dove abbiamo totalizzato un misero 10/21 (48%…). Da sottolineare, però, la reazione rabbiosa dei ragazzi, quando sul -19 a metà del terzo periodo in pochi ci avrebbero creduto nel rimettere sui giusti binari una gara partita con Padova a siglare percentuali stratosferiche (solo 2 tiri sbagliati nei primi 8′, giusto per farsi un’idea). Nel finale, visto il grande sforzo messo sul parquet per recuperare lo svantaggio, è mancata la lucidità necessaria per compiere l’impresa. Mvp indiscusso Balanzoni, monumentale con 29 punti, 7 rimbalzi, 9 falli subiti e 30 di valutazione. In doppia cifra anche Quartieri (13 punti e 5 assist) e Maccaferri (12 punti).

La cronaca. Cacace fa subito 4-0, ma Padova risponde con un parziale di 12-0 condito dai 7 punti di Schiavon. Con la tripla di Maccaferri e i 4 punti di Balanzoni torniamo a contatto sul 16-15 di metà primo periodo. Poi, Padova scappa ancora: due bombe di Crosato e 4 punti di Piazza dicono 26-18 a 2′ dalla prima sirena. Maccaferri e Quartieri, dall’arco accorciano sul 30-24. In avvio di secondo quarto la Virtus trova subito il +9 grazie a un gioco da tre di Lazzaro. Il solito Balazoni, con 4 punti, e Quartieri, con una tripla ricuciono sul 35-31 dopo 2′ di gioco. Ma Padova torna a +9, ancora con Lazzaro, a metà del periodo. Spera e Cacace a 2′ dall’intervallo fanno -2 (42-40). Due triple di Schiavon e Nobile dalla lunetta fissano il 53-44 a metà partita.

Il secondo tempo si apre con un parziale dei veneti di 9-0 in 3′: 62-44. I ragazzi non si disuniscono e con Maccaferri, Balanzoni e Quartieri provano a rientrare sul -13. Dall’altra parte, però, Schiavon non sbaglia praticamente un tiro e Padova va sul 69-50 a metà del terzo periodo. Il parziale di 4-13, con Fabi e Solazzi protagonisti dall’arco e con Balanzoni a mettere il punto esclamativo, anche lui dalla lunga distanza, si va all’ultimo mini riposo sul 73-63. L’ultimo periodo si apre con la tirpla del giovanissimo (e bravissimo…) Miaschi, classe ’00 di scuola Reyer Venezia. Ancora Balanzoni (4 punti) e Quartieri ricuciono sul -7 (76-69) e iniziamo a crederci. Miaschi, però, è ancora letale dall’arco dei 6,75. Mentre noi continuiamo a tremare dalla lunetta liberi, ma rientriamo prima sul -4 di metà quarto: 79-75. Crosato e Canelo fanno il loro dovere dalla linea della carità, ma Solazzi tiene vive le speranze a 2′ dalla fine, col canestro dell’83-79. Ci giochiamo male due possessi, ma Quartieri a 24” dalla fine infila la bomba che vale il -1. Non ricorriamo al fallo, Nobile sbaglia il piazzato, ma sul rimbalzo arriva Piazza. Canelo fa 1/2 dalla lunetta, e con 4” appena sul cronometro Quartieri prova la bomba da metà campo. Non va, e finisce 84-82 per Padova.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...