Trasferta complicata a Faenza: a 80′ dalla fine della regular season è ancora tutto aperto

Trasferta dall’alto coefficiente di difficoltà quella di domani (ore 18) al PalaCattani di Faenza. I neroverdi di coach Massimo Friso, attualmente quinti in classifica a pari punti con Padova (veneti in vantaggio negli scontri diretti), hanno ancora la possibilità di migliorare la propria classifica per godere del fattore campo almeno al primo turno di playoff. Faenza segna 74,6 punti a partita e ne incassa 70,5: nelle ultime 5 partite i romagnoli hanno raccolto appena 4 punti, ma dopo la rigenerante vittoria di Crema torneranno a contare sull’apporto del proprio pubblico sempre numeroso nelle partite casalinghe. Rispetto alla gara d’andata, persa dai ragazzi 73-75, Faenza avrà l’ala/pivot Giorgio Sgobba, prelevato da Scafati (A2) a gennaio, mentre non ci sarà la guardia Flavio Gay volato a Pescara (B).

Il quintetto tipo dei neroverdi è composto dal playmaker Mattia Venucci (’90, 16,3 punti, 3,4 rimbalzi e 4 assist), dalla guardia Carlo Fumagalli (’96, 11,4 punti e 4,4 rimbalzi), dall’ala piccola Marco Petrucci (’92, 8,5 punti e 4,9 rimbalzi), dall’ala grande Giorgio Sgobba (’92, 17,1 punti e 5,6 rimbalzi) e dal pivot Jacopo Silimbani (’86, 5,2 punti e 3,4 rimbalzi). Probabile assente per infortunio l’ala Gioacchino Chiappelli (’91, 10,2 punti e 10,1 rimbalzi).

Dalla panchina escono: la guardia Giulio Casagrande (’93, 6,4 punti), la guardia/ala Mattia Zampa (’99, 2,8 punti) e il pivot Daniele Costanzelli (’97, 3,5 punti). Completano il roster gli under Matteo Petrini (play classe ’00) ed Emanuele Santini (ala classe ’00).